Nutrire fiducia. Il cibo dopo la pandemia -

30

Jun 2020

Nutrire fiducia. Il cibo dopo la pandemia

Seminario online su piattaforma WebEx, ore 15-17

June 30, 2020

 

Il rapporto tra il consumatore e il cibo si sostanzia di molte delle caratteristiche che identificano i rapporti di fiducia: aspettative, ricerca di sicurezza, prevedibilità. Se questa è la situazione ordinaria, la recente pandemia, che ha nel rapporto uomo natura una delle cause manifeste, ha in qualche modo acutizzato il senso di insicurezza e dunque di sfiducia dell’uomo verso l’ambiente.

Il workshop, nel quadro di un progetto europeo promosso da EIT Food, attraverso un confronto tra l’università e il mondo imprenditoriale, affronterà una serie di questioni finalizzate a esplorare le caratteristiche della fiducia nella filiera alimentare. Il dibattito si articolerà seguendo tre domande di fondo: a che cosa serve la fiducia? Quale l’impatto della responsabilità sociale dell’azienda sulla fiducia dei consumatori? Cosa cambia dopo la pandemia?

Per collegarsi al workshop: cliccare qui

 

Introduce, Tiziana Andina, Università di Torino

Chair: Fauro Corvino, Università di Torino

Partecipano alla discussione:

StakeholderCecilia Bergamaschi e Maria Elena Manzini CIRFOOD; Alessandro Chiessi, Azienda agricola Chiessi; Vito Cairo Liberio, I nobili di balsignano; Daniela Ropolo e Enrico Cappellino, CNH Industrial; Simone Siliani, Fondazione Banca Etica; Romolo Venturi, Ferrero Italia; Gianni Vergnano, Cascina Gilli.

Università: Maurizio Ferraris, Università di Torino, Erica Onnis, Università di Torino, Nicola Perullo,  Università di Scienze Gastronomiche; Simona Stano , Università di Torino

Stampa: Antonella de Santis, Gambero Rosso; Miriam Massone, La Stampa

Scarica la locandina.