Menu
Mimesi come far finta - Kendall L. Walton

Mimesi come far finta

Kendall L. Walton

Mimesis

2011

8857505472

Cosa accomuna le attività in cui sono impegnati il lettore di un romanzo, lo spettatore di un film e l’osservatore di un dipinto? Secondo l’autore di questo libro, presto diventato un classico della filosofia delle arti in ambito analitico, stanno tutti praticando un gioco di far finta, significativamente simile a quelli cui si dedicano i bambini. Qui sono le opere artistiche (in particolare quelle che costituiscono rappresentazione di qualcosa) a svolgere all’incirca il ruolo dei giocattoli. Esse hanno la funzione sociale di prescrivere immaginazioni. Attraverso un’analisi serrata e ricca di esempi tratti da letteratura, cinema, teatro e arti visive, l’autore articola la sua teoria cercando di mostrare come sia feconda e in grado di dipanare tutta una serie di questioni. Come si può distinguere la finzione dalla non-finzione? Quali principi guidano le nostre interpretazioni delle opere? Che differenza c’è tra critica e fruizione? Se raffigurare e descrivere sono due modi di rappresentare, come diamo conto delle loro peculiarità? I personaggi della finzione e le loro vicende ci coinvolgono emotivamente, ma come possono essere emozioni genuine le nostre, se sappiamo che non esistono? E se non esistono, come è possibile che ne parliamo e rivolgiamo loro i nostri pensieri? La risposta a questo e molto altro ci viene da quella che l’autore chiama “la magia del far finta”, una base straordinariamente promettente sulla quale spiegare le arti rappresentazionali – il loro potere, la loro complessità e diversità, la loro capacità di arricchire le nostre vite.

 

Recensioni

Anna Li Vigni, Facciamo finta che siano velieri, Il sole 24Ore, 23 maggio 2011